Liguria Circular a Chiavari, il rifiuto come ricchezza per il territorio

[:en]Passare da un’economia lineare, basata sul principio “produci, usa, getta”, ad un modello di economia “circolare”, in cui le risorse vengono utilizzate più volte attraverso il riutilizzo e il riciclo. Il nostro incubatore apre le porte a “Liguria Circular”, il forum permanente sull’economia circolare promosso da Amiu e Confindustria Genova. Il secondo appuntamento di Wylab Stories andrà in scena venerdì 6 maggio a partire dalle 9.30.
Un’opportunità che il nostro territorio deve cogliere, perché tutti sono chiamati a contribuire: chi produce e chi utilizza, chi regola e chi amministra.
Dopo il saluto di Vittoria Gozzi, founder di Wylab, toccherà a Marco Castagna, presidente di Amiu Genova, introdurre il tema dell’incontro: “L’economia circolare per lo sviluppo green dei territorio”.
L’apertura degli interventi spetterà a Luigi Attanasio, di Spiga Nord Spa, tra i primi in Liguria a capire l’importanza di uno sviluppo ecosostenibile. A seguire Cristina Cassanello, Nbs Architetti e associati, spiegherà come costruire infrastrutture pubbliche con scarti di lavorazione per il settore edile.
Emilio Castelli e Paolo Peri, Duferco, aiuteranno a comprendere il ruolo della digestione anaerobica nel contesto dell’economia circolare. Il progetto SCOW (Selective Collection of the Organic Waste in tourist areas) e il Villaggio del Ragazzo saranno invece al centro dell’intervento di Marisa Bacigalupo, Agenzia di sviluppo GAL Genovese.
Chiusura dedicata a due realtà in ascesa: David Erba illustrerà l’attività di Armadio Verde, marketplace per lo scambio e l’acquisto di abiti per bambini, mentre Carla Villa racconterà come nasce Accadermica, spin off dell’Università di Genova che produce cosmetici ecosostenibili da scarti agro-alimentari.

Passare da un’economia lineare, basata sul principio “produci, usa, getta”, ad un modello di economia “circolare”, in cui le risorse vengono utilizzate più volte attraverso il riutilizzo e il riciclo. Il nostro incubatore apre le porte a “Liguria Circular”, il forum permanente sull’economia circolare promosso da Amiu e Confindustria Genova. Il secondo appuntamento di Wylab Stories andrà in scena venerdì 6 maggio a partire dalle 9.30.
Un’opportunità che il nostro territorio deve cogliere, perché tutti sono chiamati a contribuire: chi produce e chi utilizza, chi regola e chi amministra.
Dopo il saluto di Vittoria Gozzi, founder di Wylab, toccherà a Marco Castagna, presidente di Amiu Genova, introdurre il tema dell’incontro: “L’economia circolare per lo sviluppo green dei territorio”.
L’apertura degli interventi spetterà a Luigi Attanasio, di Spiga Nord Spa, tra i primi in Liguria a capire l’importanza di uno sviluppo ecosostenibile. A seguire Cristina Cassanello, Nbs Architetti e associati, spiegherà come costruire infrastrutture pubbliche con scarti di lavorazione per il settore edile.
Emilio Castelli e Paolo Peri, Duferco, aiuteranno a comprendere il ruolo della digestione anaerobica nel contesto dell’economia circolare. Il progetto SCOW (Selective Collection of the Organic Waste in tourist areas) e il Villaggio del Ragazzo saranno invece al centro dell’intervento di Marisa Bacigalupo, Agenzia di sviluppo GAL Genovese.
Chiusura dedicata a due realtà in ascesa: David Erba illustrerà l’attività di Armadio Verde, marketplace per lo scambio e l’acquisto di abiti per bambini, mentre Carla Villa racconterà come nasce Accadermica, spin off dell’Università di Genova che produce cosmetici ecosostenibili da scarti agro-alimentari.

[:]

Comments are closed.