La testimonianza di Triboom: “L’Incubation Program di Wylab promosso a pieni voti”

Mancano ancora pochi giorni allo scadere della call per partecipare al WIP 2019, ovvero il Wylab Incubation Program, il quarto programma di incubazione e di accelerazione di Wylab, che ha come obiettivo quello di identificare e di sostenere le migliori soluzioni e innovazioni tecnologiche per lo sport.

Chiunque ritenga di avere una soluzione in grado di cambiare il mondo dello sport, può candidarsi allʼindirizzo: https://www.wylab.net/wip2019. Cʼè tempo sino al prossimo 31 maggio 2019.

LA TESTIMONIANZA
Intanto, Alfonso Stefanelli, fondatore della piattaforma Triboom, che è la prima community in Italia per quanto riguarda il crowdfunding per le comunità sportive (www.triboom.com), racconta la sua esperienza con Wylab, che lo ha portato a essere al centro di una delle edizioni passate della call.

“Triboom nasce a Padova, come progetto imprenditoriale. Qui ha ancora la sua sede e qui ci occupiamo del gruppo e dello sviluppo, mentre la parte più legata al marketing si trova a Bologna. L’idea è partita nel 2014, poi si è affinata nel 2015 e successivamente ha potuto partire e prendere campo. Nel nostro percorso, uno degli incontri più formativi e importanti è stato proprio con il team di Wylab, nell’ambito di uno dei programmi di incubazione della prestigiosa realtà con sede a Chiavari. Abbiamo potuto incontrare, in fase di preselezione, lo staff di Wylab, in particolare Stefano Tambornini e Giulio Ardoino, che sono rispettivamente Direttore di Wylab il primo e Startup Advisor il secondo”.

Gli incontri tra Wylab e Triboom sono stati frequenti: “Abbiamo potuto ricevere – prosegue Alfonso Stefanelli – importanti nozioni per compilare un buon business planning, cosa che poi ci è servita moltissimo per la nostra attività successiva. Quando ci siamo sentiti pronti, siamo andati con le nostre gambe e siamo arrivati sin qui. Ma l’aiuto e il supporto delle professionalità presenti in Wylab sono stati determinanti. Noi non saremmo mai riusciti da soli, a capire come mettere insieme un piano, come approcciare gli investitori, come costruire un percorso. Avevamo una buona idea, abbiamo trovato dei bravissimi sviluppatori. Per questo, siamo rimasti legati a Wylab, che considero una realtà sempre più importante per chi intenda lanciarsi nel mondo dello sportech”.

ABOUT WIP 2019

 Gli ambiti di interesse del WIP2019 sono sostanzialmente sei:

  • Athletic performance: wearable, sensori, strumenti che supportano il monitoraggio, l’analisi dei big data e la predizione delle performance, la prevenzione degli infortuni e l’elaborazione delle metriche di allenamento; applicazioni per la salute, il benessere, l’alimentazione e nutrizione degli atleti.
  • Fan experience: tecnologie che aiutano le organizzazioni a profilare e coinvolgere i propri utenti fornendo un’esperienza sempre più completa e immersiva;
  • Smart arena: applicazioni che migliorano la fruizione dell’evento, e la gestione dell’impianto sportivo, avvicinandolo ai visitatori/spettatori, dall’acquisto del biglietto, al disegno di nuovi servizi, fino alla sicurezza;
  • Digital Media: innovazioni nel campo media – broadcasting e creazione di contenuti personalizzati. Tecnologie immersive, Social media, Digital marketing, second screen per lo sport;
  • Club management: servizi che supportano la gestione delle società sportive in un’ottica di ottimizzazione di tempo e risorse; piattaforme di FRM, gestionali, strumenti di analisi dei big data.
  • E-sports: innovazioni per l’ambito dei video giochi competitivi;

Partecipare è semplice. Puoi candidare il tuo progetto sulla pagina dedicata al link https://www.wylab.net/wip2019/. Qui si troveranno il form da compilare, il bando e le FAQ.

“Wylab – spiega il Ceo Federico Smanio – prenderà in considerazione anche startup che operano in altri settori, a patto che le soluzioni proposte possano trovare applicazione in ambito sportivo. E poi, un altro fatto importante: la call è aperta sia a progetti che si trovano in fase di sviluppo iniziale (early stage)che a quelli in una fase più consolidata (growth stage), realtà italiane ed estere che propongano un prodotto/servizio innovativo e tecnologico per il mondo dello sport”.

Il timing. Raccolta candidature dal 15 aprile sino al 31 maggio 2019; il 3 giugno, quindi, comunicazione dei progetti selezionati; il 7 giugno, Selection Daycon la scelta delle startup che prenderanno parte al WIP2019.

“Quindi – illustra Smanio – la settimana del 24 giugno inizieranno i percorsi di incubazione e di accelerazione della durata di 12 settimane presso Wylab. Tra il 29 luglio e il 2 agosto, faremo una valutazione intermedia per stabilire i progetti che accederanno alla seconda fase che culminerà nell’Investor Day, il 18 ottobre. Qui le startup avranno l’opportunità di fare il proprio “pitch” di fronte ad alcuni degli investitori più importanti del panorama nazionale e internazionale”.

Per ulteriori informazioni, i partecipanti possono scrivere all’indirizzo info@wylab.net o contattare telefonicamente Wylab al numero +39 347 2502800.

Comments are closed.